Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Suburra e l’esaltazione del rap romano

Subbura esalta la scena rap romana in maniera egregia, senza girarci troppo intorno.

Suburra e l'esaltazione del rap romano

Per chi vivesse sotto un sasso, il 30 Ottobre è uscita su Netflix la terza stagione di Suburra. Stupenda serie tv made in Italy che racconta le vicende di Aureliano, Spadino e Lele nella Roma malfamata.

Da buon italiano, non posso che essere orgoglioso quando viene valorizzato il patrimonio nazionale, che sia cibo, arte o località nostrane. Per questo motivo ho adorato alla follia l’intenzione degli autori di Suburra di far immergere il pubblico nella realtà romana anche attraverso la musica.

Suburra e l'esaltazione del rap romano

Viene dato spazio a tantissimi artisti, dalle leggende come Noyz alle nuove leve. Nell’articolo di oggi voglio condividere con voi quelli che secondo me sono stati i pezzi migliori della colonna sonora (tenendo conto anche della scena alla quale hanno fatto da sottofondo).

Il Capitano: Piotta

Suburra e l'esaltazione del rap romano

Proprio il 30 Ottobre è uscito anche il nuovo album di Piotta Suburra – Final Season con 10 brani scritti per l’ultima stagione della serie. L’artista mette una firma indelebile sull’opera con le sue canzoni che si abbinano perfettamente a sceneggiatura e mood della serie. Difficilmente si poteva trovare un connubio migliore di questo: Piotta racconta di una Roma capricciosa, che esalta ma allo stesso tempo distrugge i suoi spasimanti. Roma non può essere controllata e si può solo puntare ad avere al massimo un giro di danza con lei.

Santa e dissoluta, Roma ama e non perdona.

Suburra e l'esaltazione del rap romano

Probabilmente Piotta, Samurai e Sibilla hanno scritto questi brani a 6 mani per inculcare il messaggio a questi giovanotti che pensano di poter rompere i giri di Valzer con la città eterna. In ogni caso, tra le canzoni non si può non citare la theme song 7 vizi Capitale.

La mia preferita dell’ultimo album? Sicuramente Cuore Nero, in onore di Samurai.

Il Fuoriclasse: Noyz Narcos

Noyz non invecchia mai e non passa mai di moda. L’Ibrahimovic della scena Romana. Pura magia quando è partito il suo pezzo mentre Cinaglia si apprestava a… eh, volevi! Noi di Sneakersitalia non siamo degli infami che fanno spoiler, tranquilli!

Suburra e l'esaltazione del rap romano

Noyz non è solo uno dei più grandi rapper della capitale, è la persona perfetta per raccontare di come Roma sia capace di avvelenarti e portarti in luoghi oscuri, in cui non pensavi di finire o di farti compiere gesti che non pensavi mai di poter compiere.

I Mastini: Colle Der Fomento & Brokenspeakers

Non compaiono nella terza stagione (a parte Lucci) ma in questa lista non poteva mancare il brano che chiude la seconda stagione ed include due gruppi di Roma che calcano la scena da troppo tempo: Colle der Fomento (il gruppo preferito del tuo gruppo preferito) e i BrokenSpeakers (da sempre nel mio cuore).

Cari lettori di Sneakersitalia, questa è la storia di Roma, c’è poca da dire… come la carbonara o una cacio e pepe.

ALTRI ARTICOLI