Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Intervista ad Andreas Schlecht: fondatore di Fifty12

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Andreas Schlecht, fondatore di Fifty12: il brand made in Italy di sneakers di lusso. Da Parabiago, Andreas mette cuore e passione per portare la sua Società sui piedi di più persone possibile.

Intervista ad Andreas Schlecht: fondatore di Fifty12

1) Ci pare doveroso iniziare dalla storia dell’azienda. Raccontaci di Parabiago Collezioni – Thierry Rabotin. Da dove è iniziata l’avventura della Società?
L’avventura della società inizia nel 1985 quando mia madre Giovanna Ceolini e Thierry Rabotin, fondano il marchio; dopo qualche anno alla coppia si aggiunge Karl Schlecht, mio padre, e i tre, con altri soci nel 1999 rilevarono il calzaturificio Ugo Rossetti, nome storico per la città di Parabiago, fondando la Parabiago Collezioni. Inizialmente l’azienda si concentrava su collezioni di diversi designer, ma la crescita del marchio TR “ci costrinse” (fortunatamente) a limitare la produzione solo ad un marchio.

2) Il brand Fifty12 invece, com’è nato? Perché avete deciso di puntare su questo settore?
Il brand nasce letteralmente davanti alla macchina del caffè, appuntamento fisso della mia giornata con mio padre e mio fratello Thomas. Discutevamo sul fatto che la Thierry Rabotin (il cui prodotto si innesta nella categoria del luxury comfort) avesse la filosofia perfetta per creare la sneaker “definitiva”. La ricerca del comfort e dell’eleganza sono infatti unti cardine dell’azienda, la cui mission si può riassumere con “la funzionalità non si sublima mai al design”.

Intervista ad Andreas Schlecht: fondatore di Fifty12

3) Tu che ruolo ricopri in azienda? Parlaci della tua giornata tipo.
In azienda sono il responsabile del mercato americano, seguo i loro ordini, risolvo i loro problemi e mi assicuro che il prodotto sia al nostro livello di qualità. Oltre a questo seguo il nostro e-commerce europeo e collaboro con il nostro social media manager e la nostra pr per creare i contenuti social. La mia giornata tipo inizia alle 6:20/6:30 con una colazione rapida e volo in palestra (nel tempo libero riesco ancora a giocare a rugby ad un discreto livello). Tornato a casa, doccia rapida e arrivo in azienda verso le 8:30 dove comincio a guardare le mail dei nostri rappresentanti e gli ordini del nostro ecommerce, che occupano la gran parte del mio tempo. In mattinata con mio padre e mio fratello ci aggiorniamo su appuntamenti o impegni settimanali. Durante il periodo di campionario preparo le schede prodotto e collaboro con Massimo Balbini (il nostro designer) sulla creazione del campionario 5012. Poi in realtà la vita in azienda è sempre piena di sorprese (belle e non) e ogni giorno (soprattutto in questo periodo di incertezza) mi ritrovo quindi anche a gestire la produzione, compito solitamente di mia Madre, o le spedizioni dei campioni per i rappresentanti e gli ordini dei clienti.

4) Passiamo al lato prodotto, che ci interessa non poco (non ci chiamiamo Sneakersitalia mica per niente). Quanti modelli di sneakers avete attualmente in produzione?
In produzione abbiamo, ad oggi, una ventina di modelli ma speriamo di poter continuare a far crescere questa linea a cui teniamo molto.

Intervista ad Andreas Schlecht: fondatore di Fifty12

5) La scelta del design delle scarpe segue un processo particolare? Come nasce l’idea di una nuova sneaker?
Io e mio fratello disegnamo le nostre idee singolarmente per poi sottoporle a Massimo (il designer) che, conoscendo profonamente il mondo scarpa, ci riporta coi piedi a terra, spiegandoci cosa è possibile realizzare e cosa no. Le idee per un modello arrivano dalla vita quotidiana: dai viaggi, dalla tv, dallo sport… le raccogliamo in ogni modo.

6) Che materiali impiegate per la creazione delle sneakers?
Nella creazione delle sneaker usiamo materiali molto diversi tra loro: si parte dalla fodera di agnello di primissima qualità, per arrivare a un pellame di cervo in svariati colori fino alla classica Nappa “asfaltata” che è il pellame tipico usato per produrre sneakers.

Intervista ad Andreas Schlecht: fondatore di Fifty12

7) Cosa dovrebbe portare un consumatore a scegliere di indossare Fifty12?
Le nostre sneakers, oltre ad avere un look contemporaneo ed elegante, garantiscono un comfort che non si ritrova in nessun altro prodotto della categoria. Porto l’esempio delle persone del nostro ufficio, ragazze di 30 anni che hanno sempre indossato le scapre della Thierry Rabotin per il comfort che sa dare. Da quando è entrata in scena la Fifty-12 hanno finalmente ritrovato lo stesso comfort anche in un paio di sneakers.

8) Personalmente, qual è il tuo modello preferito che avete in produzione?
Il mio modello preferito è “Baldo”

Intervista ad Andreas Schlecht: fondatore di Fifty12

9) Progetti per il futuro?
Sicuramente “resistere” in questo periodo folle! E lo faremo continuando a sviluppare questa linea che, nonostante tutto, ci ha dato grandi soddisfazioni. Abbiamo avuto infatti molti feedback positivi dai clienti che hanno avuto il coraggio di dare una chance a questa linea giovane e 100% made in Parabiago.

10) Se vuoi aggiungere qualcos’altro, questo è il momento e lo spazio giusto per farlo.
Mi auguro che le persone capiscano il grandissimo lavoro che c’è dietro a questo prodotto, pensato in ogni minimo dettaglio per ricreare la perfetta combinazione di stile e comfort.

Intervista ad Andreas Schlecht: fondatore di Fifty12

ALTRI ARTICOLI