Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Storie di Sneakerheads Italiani – EP10 – Pietro Foresta

Scopri la storia di Pietro: da Cotronei a Milano per sviluppare le sue skills da programmatore. Mille pensieri in testa, uno per ogni New Era.

Storie di Sneakerheads Italiani - EP10 - Pietro Foresta

Nome: Pietro Foresta
Città: Milano
Occupazione: IT CRM Consultant
Profilo Instagram: @ziop_hatt

1) Ci pare doveroso iniziare dalla tua storia personale, raccontaci qualcosa di te! Chi sei, dove sei cresciuto e qual è il tuo background.
Ciao, mi chiamo Pietro ed ho 28 anni. Abito a Milano ma arrivo da Cotronei, un paesino calabrese, in provincia di Crotone. Mi sono trasferito subito dopo la laurea, per seguire un corso di formazione sul CRM che mi avevano proposto (gratis non si rifiuta niente) e nel frattempo ho trovato lavoro presso una azienda di consulenza IT. In parole povere sono un programmatore.

2) Il tuo profilo Instagram è un costellato da sneakers. Si vede la forte passione, oltre che per le sneakers, per lo streetwear. Dov’è nato questo amore?
Diciamo che fin da piccolo ho sempre amato vestirmi “street”. Cappellino girato, vestiti larghi e scarpe appariscenti. Questo amore è nato in gran parte guardando video musicali di rapper americani e giocando a videogiochi come Need For Speed, che adoravo. Bisogna dire che queste erano le poche fonti da cui potevo attingere. Altro fattore importante e’ stato far parte di un gruppo di amici tutti con la stessa passione per l’hip hop. Era una vera crew. Scommetto che i pischelli di oggi non sanno nemmeno cosa significhi farne parte. Io ero il writer del gruppo e grazie a cio’, facendo qualche pezzo privato in giro, alzavo quei due spicci per potermi comprare i vestiti che mi piacevano.

Storie di Sneakerheads Italiani - EP10 - Pietro Foresta

3) Crescere a Cotronei ha aiutato a coltivare questa passione oppure lo ha reso più difficile? Esiste una comunità di sneakerheads o hypebeast?
Il mio paese è piccolo e soprattutto fino a qualche annetto fa chi si vestiva “diverso” veniva etichetatto come scappato di casa o drogato. Non esisteva nessuno sneakerhead o hypebeast. I negozi street piu’ vicini erano a Crotone (circa a mezzora di pullman). Con street intendo negozi da skater, punto. All’inizio onfatti vestivamo con un sacco di marche come Globe, DVS, Billabong, Carhartt, Ecko, Karl Kani e Nike SB o 6.0. Mi ricordo che ne avevo un paio favolose di 6.0 che mi son durate tantissimo nonostante le avessi sempre addosso.

4) Qual è stato il primo paio di sneakers che hai comprato?
Il primo paio comprato di tasca mia se non erro erano le K1X lime. A mio parere, bellissime e molto comode. In quel periodo ancora non avevo la fissa delle Nike.

Storie di Sneakerheads Italiani - EP10 - Pietro Foresta

5) Ed il primo New Era?
Il primo cap non New Era non lo ricordo nemmeno perche’ anche da piccolo mettevo sempre il cappello. Quello New Era invece risale verso i 16 anni, un NY Yankees comprato su Ebay perche’ ovviamente non sapevo altrimenti dove prenderlo.

6) Oggi quanti New Era e sneakers possiedi?
Ad oggi di caps ne avro’ sopra i 100 ma il numero preciso non lo so, anche se poi ne metto solo una decina e la maggior parte sono neri. Di scarpe non ne ho molte, tra le 25 e le 30 paia credo.

Storie di Sneakerheads Italiani - EP10 - Pietro Foresta

7) Se dovessi scegliere la tua TOP 3 di tutti i tempi, quali sneakers sceglieresti?
La top 3 tra quelle che ho e’ un trio Jordan 1: Bred, Royal, Shadow.

8) Qual è il brand al quale sei più legato?
Ovviamente New Era, di cui ora sono anche entrato nel team MyNewEra, e poi Nike.

9) Come abbini i tuoi New Era alle tue sneakers? Segui dei criteri predefiniti?
Molto semplice: per colore. Quando non so quale mettere, ne uso uno nero.

Storie di Sneakerheads Italiani - EP10 - Pietro Foresta

10) Se potessi indossare un solo paio di sneakers per il resto della tua vita, quale sarebbe e in che colorazione?
Sicuramente le AF1, bianche.

11) Oggi la cultura delle sneakers sta vivendo il suo periodo d’oro. Pensi sia dovuto solo ai social media oppure c’è una ragione particolare?
I social media hanno sicuramente aperto una porta grandissima. Altri fattori importanti sono stati la musica e lo sport. Se un personaggio famoso indossa qualcosa, poi tutti lo vogliono.

Storie di Sneakerheads Italiani - EP10 - Pietro Foresta

12) Dove compri solitamente le sneakers? Hai un rivenditore di fiducia?
Il mio rivenditore di fiducia e’ internet (risata). Non ho un sito in particolare, dipende da cosa cerco ed ovviamente da quanta fortuna ho nelle raffles… spesso zero.

13) Hai un paio che hai sempre voluto ma che purtroppo non sei riuscito a coppare durante la release?
Un sacco. Le AF1 Peaceminusone bianche, per citare le ultime.

Storie di Sneakerheads Italiani - EP10 - Pietro Foresta

14) Se vuoi aggiungere qualcos’altro, questo è il momento e lo spazio giusto per farlo.
Nulla in particolare, un ringraziamento a tutti voi ed un saluto a tutti gli appassionati di sneakers, soprattutto a quelli sfigati come me nelle raflles, prima o poi ne vinceremo una!

ALTRI ARTICOLI