Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Red Bull 64 Bars: Un disco unico

Nuovo capitolo della saga che unisce gli MC e i beatmaker migliori del paese in un unico disco che è pura dinamite.

64 Bars è un format che riporta il rap alla sua vera essenza

Queste le parole di Marracash in persona il quale, in primis, ha lasciato la propria impronta sull’opera. L’idea del format nasce nel 2017 in Nuova Zelanda, nei Red Bull Studios di Auckland ed è stata portata avanti dall’MC David Dallas diffondendosi in pochissimo tempo in molti paesi (in Italia solo un anno dopo). Il rap è al centro del format: un MC + un beatmaker + 64 barre. Così facendo o si va a sbattere o la simbiosi tra beat e rapper porta ad un brano da paura.

C’è un’unica linea guida: spaccare! Piccolo spoiler: tutti l’hanno seguita. E’ sempre molto figo vedere gli artisti liberi di esprimersi senza dover seguire particolari regole (almeno così ci piace credere) della propria etichetta discografica. Per alcuni di loro è stata anche l’occasione di togliersi qualche sassolino dallo scarpa e dare sfogo ad un loro lato creativo messo a tacere dalle richieste politically correct delle radio.

PROTAGONISTI

Tra i numerosi artisti troviamo:

MCs: Gemitaiz, Carl Brave, Geolier, Beba, Rkomi, Izi,Sina, Ernia, Blanco, Pyrex, Marracash, Gué Pequeno e Lazza.

Beatmakers: Luché, Dat Boi Dee, Junior K, Low Kidd, Pherro, Greg Willen, Drast, Dade, Marz, Crookers, Nic Sarno, Shablo e Drillionaire.

PEZZI SUGGERITI DA SNEAKERSITALIA:

ALTRI ARTICOLI