Saucony festeggia il suo 125° anniversario

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

Il brand del running continua ad ispirare le persone ad una vita migliore, mentre compie 125 anni di attività.

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

Saucony, marchio globale fondato nel 1898, solo due anni dopo la prima maratona olimpica e un anno dopo la prima maratona di Boston, festeggia 125 anni di tradizione, innovazione e design. Saucony (pronunciato “sock-a-knee“) prende il nome dal torrente Saucony a Kutztown, Pennsylvania, dove l’azienda ha costruito la sua prima sede. “Saconk“, il nome originale del corso d’acqua, significa “dove due fiumi si uniscono”. Il fiume Saucony è fonte di ispirazione per il nome del marchio e per il suo logo, che rappresenta l’acqua che scorre intorno a tre massi distinti, raffigurazione dei tre pilastri del marchio: patrimonio, innovazione e design.

“Mentre celebriamo il 125° anniversario del marchio, la storia di Saucony è senza dubbio una grande pagina da sfogliare”

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

Queste le parole di Anne Cavassa, presidente di Saucony, che continua affermando:

“Tre imprenditori sulle rive del fiume Saucony hanno iniziato a produrre scarpe per migliorare la vita degli abitanti della loro città. All’inizio hanno avuto difficoltà: la comunità non li sosteneva. Fu quando chiamarono ufficialmente la loro azienda Saucony, il nome del fiume che scorreva attraverso i cortili e i terreni agricoli della città, che la comunità finalmente stabilì un legame emotivo e si unì al viaggio dei calzolai. Oggi, Saucony continua quel viaggio, ispirando e consentendo alle persone di vivere una vita migliore”.

Brian Moore, Senior Vice President of Global Product di Saucony, continua affermando:

“Quest’anno è un anno speciale per noi, un’occasione per riflettere sui risultati degli ultimi 125 anni e per celebrare la nostra incessante dedizione all’innovazione e all’autenticità. Quando innoviamo, eleviamo non solo il marchio, ma anche il corridore e la sua esperienza di corsa. Con il nostro ricco patrimonio e i nostri team innovativi in tutto il mondo, siamo pronti a scrivere il prossimo grande capitolo della grande storia del nostro marchio”.

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

Nata da una piccola azienda, la domanda di Saucony è aumentata negli anni ’70, quando la popolarità della corsa come forma di esercizio fisico negli Stati Uniti è decollata. Mentre numerosi marchi cercavano di attirare l’attenzione di chi si avvicinava a questo sport, Saucony si concentrava sui puristi della corsa: corridori amatoriali seri e professionisti che percorrevano molti chilometri. La rivista Runner’s World annuncia la Saucony Hornet come la scarpa da corsa migliore del 1979, aumentando in modo massiccio la notorietà del marchio e facendo schizzare le vendite alle stelle.

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

Da quel momento, Saucony si impegna a creare la scarpa da corsa tecnologicamente più avanzata sul mercato. Nel 1981, dopo aver lavorato con un team di atleti professionisti, medici e podologi, Saucony rilascia la Jazz, premiata con cinque stelle da Runner’s World e destinata a diventare il modello Saucony più venduto di tutti i tempi.

Il successo continua negli anni ’80, con l’aiuto di diversi successi sportivi, tra cui l’atleta neozelandese Rod Dixon che indossa scarpe da ginnastica Saucony su misura quando vince la maratona del 1983 a New York. Il rapporto con Dixon continuò a svilupparsi e alla fine portò alla creazione della serie DXN Trainer, che aggiunse ulteriore gravitas alle credenziali di Saucony nel running. Nel 1985, l’atleta americana Lisa Rainsberger vinse la maratona di Boston indossando Saucony, aumentando la credibilità del marchio anche tra le atlete. In effetti, per tutti gli anni ’80 e ’90, a differenza della maggior parte degli altri marchi sportivi, le vendite di Saucony sono state divise 60/40 a favore delle donne, il che ha portato allo sviluppo di modelli specifici per la clientela femminile, piuttosto che all’approccio più comune di cambiare il colore delle scarpe da uomo esistenti.

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

Dopo la gloria della maratona, nel 1985 arriva la leggendaria Shadow, un’evoluzione della Jazz che continuerà ad evolversi nel decennio successivo e sarà all’avanguardia nelle collaborazioni future. Con il lancio delle silhouette Courageous e Azura, rispettivamente nel 1987 e nel 1988, le capacità tecnologiche di Saucony cominciano ad apparire formidabili, combinando tutto, dalle solette EVA a doppia densità al materiale Kevlar®, per massimizzare le prestazioni.

All’inizio degli anni ’90, John Fisher, all’epoca amministratore delegato di Saucony, ebbe un’illuminazione mentre teneva in mano la sua racchetta da tennis:

“E se mettessimo una racchetta da tennis nel tacco di una scarpa da corsa?”.

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

L’idea di Fisher era che il telaio esterno avrebbe fornito stabilità, mentre le “stringhe” sovrapposte avrebbero creato un assorbimento degli urti. Di conseguenza, nel 1991 è stata lanciata la tecnologia GRID (Ground Reaction Inertia Device), aggiungendo il tocco finale alla flotta di scarpe da corsa specializzate di Saucony. Il sistema GRID, la prima “tecnologia visibile” di Saucony, combinava stringhe incrociate di Hytrel®, un elastomero termoplastico sviluppato da DuPont, con una sfera concava in TPU per un’ammortizzazione e una stabilità ottimali. Il team di prodotto ha continuato a sviluppare la tecnologia per tutti gli anni ’90, rilasciando modelli come le GRID Hurricane. Con il tempo è diventata la base dell’intera offerta di Saucony.

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

Negli anni ’90, la diversificazione nel trail running ha ampliato l’offerta di Saucony per la corsa e lo sviluppo di altre categorie come il cross-training, la camminata e l’aerobica ha visto la creazione di modelli come la Jazz Court e la Jazz Instep, che incarnavano la popolare estetica in pelle bianca brillante che era di tendenza in quel periodo.

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

 

Nel 1998, Saucony Originals ha debuttato ufficialmente con il ritorno del modello OG Jazz ’81. Grazie a un piano di marketing non convenzionale, che vedeva scatole di Jazz 81 costruite in modo da sembrare cadute dal retro di camion a New York e Chicago, le Jazz erano di nuovo cool tra le comunità. Le versioni in edizione super limitata aumentarono il desiderio di acquistarle e, all’epoca, solo Foot Locker ne ordinava 25.000 paia alla settimana. Saucony ha aperto la strada al rilancio delle silhouette retrò e, grazie a collaborazioni con marchi del calibro di END. e Footpatrol, ha continuato a farlo nel mercato delle sneaker in continua crescita.

Negli ultimi trent’anni Saucony ha dettato il ritmo, innovando e spingendo sempre più in là i confini del mondo del running, tracciando la strada con le Originals e prendendo i classici d’archivio e reinventandoli per tutti i giorni. Quelle che una volta erano scarpe performanti della loro epoca, sono ora progetti di passione di stili e silhouette firmati Saucony, che rappresentano momenti nel tempo e offrono ai fan vecchi e nuovi l’opportunità di abbracciare il marchio.

Saucony festeggia il suo 125° anniversario

 

Mentre Saucony si avvia verso il 2023, il viaggio continua, con icone del patrimonio come le Spot-Bilt Sonic e le DXN Trainer riportate in auge per offrire ai consumatori un pezzo della vasta storia del marchio. Nel corso dell’anno, la collezione diventa più innovativa e sperimentale che mai, con nuove iterazioni, nuove collaborazioni e persino una nuova icona Saucony.

In qualità di “Original Running Brand”, Saucony è fedele allo sport e ai suoi clienti dal 1898, innovando continuamente attraverso il design e ispirando le persone a vivere al meglio. Con 125 anni di conoscenza alle spalle, nel 2023 Saucony farà passi ancora più grandi per ispirare e consentire alle persone di vivere una vita migliore attraverso la cultura della corsa, l’espressione di sé e il proprio impatto sul mondo.

Le nuove Saucony ProGrid Triumph 4 Gorpcore

Saucony ProGrid Triumph 4 Gorpcore

La nuova ProGrid Triumph 4 Gorpcore racchiude in egual misura tutti i tratti dell’estetica gorpcore: design, funzionalità, praticità e stile.

Saucony ProGrid Triumph 4 Gorpcore

Prendendo ispirazione dalla versione originale del 2007, l’ultima iterazione di questo modello presenta gli stessi dettagli sportivi di prima ma aggiornati per chi lo indossa nel 2023. Le prestazioni sono al centro di questo modello, con il nome ProGrid che riflette la tecnologia presente all’interno dell’intersuola: presentata per la prima volta nel 1991, GRID (Ground Reaction Inertia Device) è stata la prima tecnologia visibile di Saucony che combina stringhe incrociate di Hytrel di origine DuPont con una sfera concava in TPU per la massima stabilità e ammortizzazione.

Ulteriore stabilità è fornita dalla tecnologia Arch-lock nel pannello mediale della scarpa, costituita da materiali elastici leggeri che si adattano al piede di chi lo indossa per una vestibilità aderente e di supporto. I dettagli in gomma e i lacci richiamano la natura tecnologica della scarpa mentre le lavorazioni in Cordura impermeabile in tonalità basiche rendono questa sneaker ideale per uno stile casual con vocazione outdoor così come suggerisce il nome. Unendo prestazioni, funzionalità e lifestyle, questa sneaker è perfetta per chi apprezza sia lo stile che la tecnologia. Dove innovazione e nostalgia si uniscono, ProGrid Triumph 4 è la risposta.